Filippone e prime Comunioni: quando non si accoglie lo Spirito

Riguardo il video del leopardo che accudisce il figlio della babbuina da lui appena cacciata e mi dico: non c’è qualcosa di meritorio nell’essere teneri verso i cuccioli… i membri di una specie conducono semplicemente un’esistenza “ordinata” – ossia secundum rationem – quando fanno tutto il possibile per accudire un cucciolo, della propria come di un’altra specie.

Chiaramente nel caso dei cuccioli d’uomo a questa considerazione si aggiunge tutta una valenza trascendente che affonda le radici nel ministero della deità unitrina (e che si svela nel modo più splendido nella Pasqua di Gesù), ma perché la teologia non appaia “un astratto teorema celeste” (Kant) vorrei azzardare ora una considerazione forse un po’ forte ma – credo – non lontana dal vero: episodi barbarici come quello di Filippone durerebbero molta più fatica, ad accadere, se nel nostro contesto culturale non fossero ormai dati assodati e “pacifici” il divorzio e l’aborto.

Divorzio e aborto, radici velenose

Sì, penso che le due “medaglie al valore” rivendicate dai Radicali – proprio perché si tratta di falsi diritti, e quindi inevitabilmente di angherie contro diritti veri – siano le principali cariche eversive che hanno sdrucito il tessuto di cui oggi abbiamo visto una sconcertante lacerazione1Ecco perché quando mi chiedono cosa si possa fare per dare seguito allo splendido esempio di amore paterno che Thomas Evans ha dato a tutto il mondo io resto sempre un po’ a corto di parole: dobbiamo guardare a tutti e singoli gli elementi che scoraggiano nel nostro contesto socio-culturale una vera bella paternità… e che contestualmente fanno posto a sue versioni aberranti..

La donna “caduta” dal balcone stamane era la seconda moglie di Filippone, la bambina era figlia naturale di entrambi2Dobbiamo in questo correggere quanto anche qui avevamo affermato, fidandoci di agenzie e testate che si sono rivelate approssimative e imprecise: non si tratta della figlia della sola donna, e i due si erano sposati (in seconde nozze) nel 2006.: voci risalenti a presunti testimoni presenti sul luogo del delitto parlano del volo della bambina “senza neppure un grido”. L’autopsia potrà dunque confermare le cause e l’ora del decesso della piccola, e questo potrebbe forse gettare un po’ di luce sulla vicenda.

Ma come si diventa tanto insensibili all’innocenza dei bambini, a maggior ragione se figli propri? In realtà uno o è padre (e in questo si conforma al Padre «da cui trae nome ogni paternità in cielo e in terra» – Eph 3,15) oppure «è omicida fin dal principio» (Io 8,44), e davvero tertium non datur – le narrazioni epiche dei figli di Riina stanno a zero.

Ecco cosa c’entra l’aborto – e non possiamo con ciò azzardarci a dire che ci sia un nesso puntuale nel caso di specie, ma sul livello generale la cosa ha senz’altro il suo valore –: quando un uomo si concede di avere una relazione con una donna che teorizzi il diritto a sopprimere il di lui figlio per il fatto che si trova momentaneamente all’interno del proprio corpo, quell’uomo sta andando a letto con Lady McBeth3Ed è sempre una messa nera: non è che Justin Kurzel abbia fatto un volo pindarico…; quando una donna vive con un uomo che – consapevole del significato di quelle parole – le promette di rimettersi sempre alla di lei decisione, riguardo ad eventuali gravidanze, quella donna deve sapere che non solo quell’uomo non la proteggerebbe mai quando ce ne fosse bisogno… ma che anzi è già capace di uccidere.

scritto da

Note

Note
1 Ecco perché quando mi chiedono cosa si possa fare per dare seguito allo splendido esempio di amore paterno che Thomas Evans ha dato a tutto il mondo io resto sempre un po’ a corto di parole: dobbiamo guardare a tutti e singoli gli elementi che scoraggiano nel nostro contesto socio-culturale una vera bella paternità… e che contestualmente fanno posto a sue versioni aberranti.
2 Dobbiamo in questo correggere quanto anche qui avevamo affermato, fidandoci di agenzie e testate che si sono rivelate approssimative e imprecise: non si tratta della figlia della sola donna, e i due si erano sposati (in seconde nozze) nel 2006.
3 Ed è sempre una messa nera: non è che Justin Kurzel abbia fatto un volo pindarico…

Be the first to comment

Di’ cosa ne pensi