Amazon porta anche il suo Lord of the Rings in Nuova Zelanda! Una serie da 1.5 mld di $

Notizie dall’Interno – Da Auckland una fonte degli studios dà notizia di un accordo stretto con Amazon per le riprese della serie Lord of the Rings on Prime. La nuova Terra-di-mezzo torna sulle orme di Peter Jackson.

Il New Zealand Herald (versione premium) ha ottenuto informazioni circa un accordo siglato tra Amazon e gli studios di Auckland e Kumeu per la produzione della serie su Il Signore degli Anelli di Amazon Prime. La notizia proviene da un insider e senior member degli studios coinvolto direttamente nel progetto. Si parla di un lavoro di pre-produzione già avviato da un anno, mentre ora lo staff di produzione sarebbe già in terra Kiwi. L’accordo garantisce alla Nuova Zelanda una parte «enorme» delle riprese. Indiscrezioni pesanti che confermano le parole di giugno 2018 di Jennifer Salke, a capo degli Amazon Studios, secondo le quali non era impossibile un ‘ritorno’ in Nuova Zelanda.

Auckland sopperirà dunque all’ingombro che i sequel di Avatar ponevano, affollando i progetti di James Cameron nel prossimo futuro la base di Wellington che aveva ospitato le trilogie cinematografiche di Peter Jackson. La Nuova Zelanda si assicura così una nuova ondata di turismo tolkieniano per gli anni a venire, rivendicando contro la Scozia il ruolo di Terra-di-mezzo visiva, mentre ancora 2 settimane fa i giornali britannici davano in pole position i nuovi studios di Edimburgo (addirittura vantando dall’85 al 90% delle riprese). Le indiscrezioni parlano di un budget assestato a quota 1.5 miliardi di $, ben oltre il già mostruoso ipotizzato miliardo di un anno fa. Aumentano a questo punto anche le quotazioni per coinvolgimento di Peter Jackson in produzione.

L’annuncio ufficiale è atteso per il mese prossimo.

BENVENUTI NELLA SECONDA ERA
Scopri le possibili trame e l’ambientazione narrativa!

Su Facebook dicono:

Follow me!

1 Commento

  1. Merci une messe Tres touche profondementre dans chacun de nous.merci prions La Sainte Vierge Marie pour qu’elle nous garde.

Di’ cosa ne pensi