Sarah: «La Chiesa è immersa nell’oscurità del venerdì santo»

In occasione dell’uscita in francese del suo nuovo libro, il Prefetto della congregazione per il culto divino – una delle voci più forti della Chiesa – ha ricevuto a Roma Laurent Dandrieu per Valeurs Actuelles. Traduciamo il testo dell’intervista.

di Laurent Dandrieu

Astenersi amanti dei peli sulla lingua. Se i libri dei prelati cattolici suscitano spesso un senso di noia per il loro tepore da tisana, Le Soir approche et déjà le jour baisse, il nuovo libro contenente le conversazioni del cardinal Robert Sarah con Nicolas Diat, a confronto è un superalcoolico. Ricordando come un mondo che dimentica Dio vada a perdersi, ripudiando insieme la “barbarie materialistica” e la “barbarie islamista”, esortando la Chiesa a rimettere Cristo al centro, denunciando il patto di Marrakech sostenuto dal Vaticano o mettendo in guardia contro l’ordinazione di uomini sposati che alcuni vorrebbero sperimentare in occasione del prossimo sinodo sull’Amazzonia, il cardinal Sarah invita a una vera resistenza spirituale, ricordando che solo Cristo è la Speranza del mondo.

Perché scegliere un titolo così cupo, correndo il rischio di spaventare il lettore?

Questo libro è anzitutto un invito alla lucidità e a guardare lontano. La Chiesa attraversa una grande crisi. I venti sono di rara violenza. Rare sono le giornate senza scandali, veri o presunti. I fedeli hanno dunque ragione di interrogarsi. Per loro ho voluto questo libro. Spero che possano uscire da questa lettura con la gioia che dà il Cristo: «Resta con noi, Signore: la sera si avvicina e il giorno già volge al declino». È la risurrezione del Figlio di Dio che dà Speranza nell’oscurità.

La scelta di questo versetto tratto dal Vangelo dei pellegrini di Emmaus è per lei un modo di indicare che la Chiesa non mette sufficientemente al centro Cristo e la preghiera?

Io credo fermamente che la situazione che viviamo in seno alla Chiesa assomigli punto per punto a quella del Venerdì santo, quando gli apostoli hanno abbandonato Cristo, quando Giuda lo tradì – perché il traditore voleva un Cristo alla sua maniera, un Cristo preoccupato da questioni politiche. Oggi parecchi preti e vescovi sono letteralmente stregati da questioni politiche o sociali. In realtà, quelle problematiche non troveranno mai risposte fuori dall’insegnamento di Cristo. Egli ci rende più solidali, più fraterni; finché non avremo Cristo come fratello maggiore, «il primogenito di una moltitudine di fratelli», non esiste carità solida, non vera alterità. Cristo è la sola luce del mondo. Come potrebbe la Chiesa scostarsi da quella luce? Come potrebbe passare il suo tempo a perdersi in questioni puramente materialistiche?

Certo, è importante essere sensibili alle persone che versano nella sofferenza. Penso in particolare agli uomini che lasciano il loro paese. Ma perché si allontanano dalla loro terra? Perché delle potenze senza fede, che hanno perduto Dio, per le quali nulla conta se non il denaro e il potere, hanno destabilizzato le loro nazioni. Queste difficoltà sono immense. Ma, lo ripeto, la Chiesa deve prima restituire agli uomini la capacità di guardare verso Cristo: «Quando sarò innalzato, attirerò tutti a me». È Cristo crocifisso che ci insegna a pregare e a dire: «Perdonali perché non sanno quello che fanno». È guardando il Figlio di Dio che la Chiesa potrà imparare a portare gli uomini verso la preghiera e a perdonare come Cristo. Questo libro vuole provare a restituire alla Chiesa il senso della sua grande missione divina. Perché ella possa portare gli uomini a Cristo, che è la Speranza. Ecco il significato del titolo del nostro libro: oggi tutto è cupo, difficile, ma quali che siano le difficoltà che noi attraversiamo c’è una sola persona che può venirci in soccorso. Bisogna che ci sia un’istituzione che conduca a questa persona: è la Chiesa.

Richiamare la Chiesa alla sua vera missione: è un modo di dire che talvolta se n’è allontanata. Lei si spinge fino a denunciare i pastori che tradiscono il proprio gregge, cosa che molti cattolici fanno fatica a credere…

La sua osservazione non è peculiare del nostro tempo: guardi l’antico Testamento, che tracima di cattivi pastori… uomini bramosi di approfittare della carne o della lana delle loro pecore senza prendersi cura di loro! Ci sono sempre stati tradimenti nella Chiesa. Oggi non ho paura di affermare che dei preti, dei vescovi e anche dei cardinali hanno timore di proclamare quel che Dio insegna e di trasmettere la dottrina della Chiesa. Hanno paura di essere disapprovati, di essere visti come dei reazionari. E allora dicono cose fluide, vaghe, imprecise, per sfuggire a ogni critica, e così sposano la stupida evoluzione del mondo. È un tradimento: se il pastore non conduce il proprio gregge «verso le acque tranquille, verso i prati di erba fresca» di cui parla il salmo, se non lo protegge contro i lupi, è un pastore criminale che abbandona le sue pecore. Se egli non insegna la fede, se si compiace nell’attivismo invece di ricordare agli uomini che sono fatti per pregare, egli tradisce la sua missione. Gesù dice: «Colpirò il pastore e saranno disperse le pecore». È proprio quel che accade oggi. Non sappiamo più dove rivolgerci.

Non c’è oggi, più specificamente, la tentazione in alcuni di allineare la Chiesa ai valori del mondo, così che non sia più in contraddizione con quest’ultimo?

Nei fatti, c’è una forte maggioranza di preti che restano fedeli alla loro missione di insegnamento, di santificazione e di governo. Ma ce n’è anche un piccolo numero che cede alla tentazione morbida e scellerata di allineare la Chiesa sui valori delle attuali società occidentali. Essi vogliono anzitutto che si dica che la Chiesa è aperta, accogliente, attenta, moderna. Ma la Chiesa non è fatta per ascoltare, è fatta per insegnare: essa è Mater et magistra, madre ed educatrice. Certo, la madre ascolta il figlio, ma anzitutto è presente per insegnare, orientare e dirigere, perché sa meglio dei suoi bambini la direzione de prendere. Alcuni hanno adottato le ideologie del mondo attuale con il fallace pretesto di aprirsi al mondo; bisognerebbe piuttosto portare il mondo ad aprirsi a Dio, che è la fonte della nostra esistenza.

Lei parla nel libro di una crisi della teologia morale: non sarà anzitutto la tentazione di sacrificare la dottrina alla pastorale, cioè il contenuto al contenitore, e una falsa concezione della misericordia, talmente scrupolosa di mostrare la propria comprensione che dimentica di richiamare le regole della vita buona?

Ogni pastorale è come una casa: se non ci sono le fondamenta, la casa crolla. La pastorale dev’essere costruita sull’insegnamento della Chiesa. Troppo spesso si dimentica la dottrina per focalizzarsi solamente sulla pastorale; ma questa diventa allora una pastorale vuota, puerile e sciocca. Non si può sacrificare la dottrina a una pastorale che sia ridotta alla porzione congrua della misericordia: Dio è misericordioso, ma nella sola misura in cui noi riconosciamo di essere peccatori. Per permettere a Dio di esercitare la sua misericordia, bisogna tornare a Lui, come il figliol prodigo. C’è una tendenza perversa che consiste nel falsare la pastorale, nell’opporla alla dottrina, e nel presentare un Dio misericordioso che non esige alcunché: ma non esiste un padre che nulla esiga dai suoi figli! Dio, come ogni buon padre, è esigente perché nutre a nostro riguardo delle ambizioni immense. Il Padre vuole che noi siamo a sua immagine e somiglianza.

Lei parla di affievolimento della fede dei fedeli, cosa che Benedetto XVI chiamava un “cristianesimo borghese”, o che papa Francesco chiama “paganizzazione della vita cristiana”. I cristiani che non vogliono essere il sale della terra ma preferiscono esserne lo zucchero… non è una sfida ancora più grande delle eresie del passato?

Questa specie di mollezza o di affievolimento fa parte della cultura attuale: bisogna essere tolleranti, rispettare le persone, evolverci con loro. Certo, abbiamo il dovere di essere comprensivi, di camminare col passo della gente, ma bisogna al contempo aiutarla a rinforzarsi i muscoli. Ci vogliono i muscoli, per fare alpinismo. Le medesime qualità sono richieste per scalare la montagna di Dio: ci vogliono i muscoli della fede, della volontà, della speranza e dell’amore. È importante che non s’ingannino i fedeli con una religione molle, senza esigenze, senza morale. L’Evangelo è esigente: «Se il tuo occhio è per te occasione di scandalo, cavalo! Se la tua destra è per te occasione di scandalo, tagliala!». Il nostro ruolo è proprio di portare il popolo a questa esigenza evangelica.

Lei scrive che «l’Occidente fa esperienza della solitudine radicale e liberamente voluta dei dannati»: come parlare di Dio a persone che, come lei scrive, «non provano il bisogno di essere salvate»?

Guardi Cristo: lei crede che le persone che egli aveva davanti volessero ascoltarlo? L’opposizione a Dio, alla Verità, esiste da sempre. In Occidente è difficile parlare di Dio perché la molle società del benessere crede di non aver bisogno di Lui. Ma il comfort materiale non basta. Esiste una felicità nascosta che le persone cercano, confusamente, senza saperlo. La Chiesa deve far scoprire all’uomo questi bisogni interiori, queste ricchezze dell’anima che lo rendono pienamente uomo, che lo rendono pienamente felice. Sant’Ireneo dice che «Dio si è fatto uomo perché l’uomo divenga Dio»; la missione della Chiesa è guidare l’uomo in quest’ascensione verso Dio. Ma se i preti sono impegolati nel materialismo non potranno guidare il mondo verso la vera felicità.

Questa disaffezione riguardo alla Chiesa i responsabili cattolici hanno spesso la tendenza a caricarla sulle spalle del materialismo dilagante, delle evoluzioni della società. Non sarebbe utile che la Chiesa si interroghi anche sulle sue responsabilità, sul modo in cui ha potuto allontanare i fedeli desacralizzando la liturgia, volgendo le spalle alla pietà popolare o rendendo evanescente la predicazione?

Sono convinto che la responsabilità primaria del crollo della fede debba essere assunta dai preti. Nei seminari e nelle università cattoliche non abbiamo sempre insegnato la dottrina. Abbiamo insegnato quel che ci piaceva. Il catechismo ai bambini è stato abbandonato. La confessione è stata disprezzata. Del resto, non c’erano più preti nei confessionali! Siamo dunque parzialmente responsabili di questa erosione. Negli anni Settanta e Ottanta in particolare, ogni prete a messa faceva quel che voleva. Non c’erano due messe che si assomigliassero: ecco che cosa ha scoraggiato tanti fedeli dal recarvisi. Papa Benedetto XVI dice che la crisi della liturgia ha provocato la crisi della Chiesa. Lex orandi, lex credendi: come si prega, così si crede. Se non c’è più fede la liturgia è ridotta a uno show, a qualcosa di folkloristico, e i fedeli se ne allontanano. Probabilmente siamo stati colpevoli di negligenza. La desacralizzazione della liturgia ha sempre delle conseguenze gravi. Abbiamo voluto umanizzare la messa, renderla comprensibile, ma essa resta un mistero che sta al di là della comprensione. Quando dico la messa, quando do l’assoluzione, capisco le parole che dico ma il mistero che quelle parole realizzano l’intelligenza non può comprenderlo. Se non rendiamo giustizia a questo mistero grande non possiamo condurre il popolo a una vera relazione con Dio. Oggi abbiamo ancora una pastorale troppo orizzontale: come volete che la gente pensi a Dio, se sono unicamente le questioni sociali a occupare la Chiesa?

È attesa in via imminente una riforma della curia romana. Nel suo libro lei si mostra piuttosto scettico su queste riforme di struttura…

La vera riforma poggia sulla nostra propria conversione. Se non cambiamo noi stessi, tutte le riforme di struttura saranno inutili. Laici, preti, cardinali, tutti dobbiamo tornare verso Dio. La storia ha conosciuto due riformatori: Lutero, che ha voluto cambiare la faccia della Chiesa e che ha finito per uscirne, e Francesco d’Assisi che ha trasformato la Chiesa vivendo radicalmente l’vangelo. Oggi la vera riforma è una via radicalmente evangelica. Madre Teresa, in maniera discreta e umile, ha riformato la Chiesa senza lesinare di proclamare davanti al mondo: «Occupati dei poveri, ma prima di questo occupati anzitutto di Dio». Ella sapeva per esperienza che siamo troppo poveri per occuparci dei poveri. Finché non siamo arricchiti dalla presenza di Dio in noi, non ci si può occupare dei più deboli.

Si parla anche tanto di sinodalità, di collegialità. Nel suo libro lei ventila il rischio che le conferenze episcopali si contraddicano fra loro. Teme che una riforma del centralismo della Chiesa romana metta in pericolo la sua unità?

Cristo ha fondato una Chiesa il cui governo è gerarchico. Il primo responsabile della Chiesa è il Papa. Il secondo responsabile della Chiesa locale è il Vescovo nella sua diocesi, e non la Conferenza episcopale – la quale è utile per confrontarsi, non per imporre una linea. Io penso che bisogni ritrovare questa responsabilità primaria del papa e di ogni vescovo. I grandi vescovi della storia, Ambrogio o Agostino, non passavano il loro tempo facendo riunioni a destra, commissioni a sinistra, viaggi in continuazione. Bisogna che il vescovo stia col suo popolo, istruisca il suo popolo, ami il suo popolo.

Una Conferenza episcopale non ha autorità giuridica, né competenze proprie nel campo della dottrina. Del resto, constato tristemente che già ci sono contraddizioni fra le conferenze episcopali, e questa cosa non favorisce la serenità dei cristiani. «Che siano una cosa sola», ha detto il Signore, perché questa unità provoca la fede. Se noi proseguiamo in questa direzione, che consiste a menomare l’unità dottrinale e morale, contribuiremo ad accrescere l’incredulità.

Che cosa ha pensato del libro Sodoma? Pensa che si assista attualmente a un’offensiva generalizzata contro la figura del prete, oggetto di scandalo per una società ipersessualizzata?

Non ho letto il libro. Credo però che ci sia un progetto di distruzione della Chiesa particolarmente strutturato, volto a decapitarne la testa – i cardinali, i vescovi e i preti. Si accaniscono a distruggere il sacerdozio, e in particolare a distruggere il celibato, che sarebbe cosa impossibile e contro natura: perché se si distrugge il celibato si sferra un colpo fatale a una delle più grandi ricchezze della Chiesa. L’abbandono del celibato aggraverebbe ancora la crisi della Chiesa e sminuirebbe la posizione del prete, il quale è chiamato ad essere non solo un altro cristo, ma Cristo stesso – povero, umile e celibe. Se scompare il celibato, è la testimonianza che Gesù ha voluto dare a morire.

Esiste una volontà di indebolire la Chiesa, di modificare il suo insegnamento sulla sessualità. Ma quando si vede la quantità enorme di preti fedeli nel sacerdozio c’è da restare sereni e da proseguire la nostra testimonianza di dono totale a Dio nel celibato. La testimonianza non è compresa? È detestata? Gesù Cristo stesso non è stato accettato, poiché è morto sulla Croce. Gesù ci ha detto: «Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi».

Ci sono uomini di Chiesa, alcuni altolocati, che hanno infangato la Chiesa, sfigurato il volto di Cristo, ma Giuda non deve portarci a rigettare tutti gli apostoli. Queste gravi mancanze non condannano la Chiesa: al contrario, questo mostra che Dio dà fiducia anche a persone deboli per mostrare la potenza del suo amore per noi. Egli non affida la sua Chiesa a degli eroi eccezionali, ma a degli uomini semplici, per mostrare che è Lui ad agire mediante quelli.

Sulla pedofilia lei parla di un “mistero di Giuda”, precisando che quest’abominevole tradimento del sacerdozio è stato preceduto da ben altri: quali sono?

Un prete che ha perduto il suo legame con Gesù, che non prega, che non si dà il tempo di stare con Cristo davanti al Santissimo Sacramento, è un prete reso fragile. «Senza di me non potete far nulla», diceva Cristo. Un prete mondano che non ha più tempo di meditare la Parola di Dio, che salta la messa o la celebra in modo profano, che non ha vita interiore, non può reggere. Se si può arrivare a comportamenti tanto gravi è perché prima ci si è staccati da Gesù, dalla forza che ci mantiene collegati a lui. Per non distribuire i sacramenti come un semplice funzionario, come se si trattasse di un fenomeno umano, abbiamo bisogno di un’energia che viene dalla nostra relazione con lo Spirito santo. E sfortunatamente molti fra noi hanno perduto questa relazione intima con Gesù. L’attivismo sacerdotale conduce all’autismo clericale, fonte di tutte le derive.

Che cosa pensa della condanna del cardinale Barbarin?

Lo conosco da molto tempo. Ho grande ammirazione per lui. Mi ha accolto molto amichevolmente quando sono venuto a Lione a presentare il mio libro La Force du silence. Non posso non soffrire per il martirio che gli viene imposto, tanto più perché sono persuaso della sua innocenza. Tutta la Chiesa porta collegialmente questa sofferenza. Il Papa ha davvero avuto ragione nel prendere la decisione di non accettare le sue dimissioni per rispettare la presunzione d’innocenza attendendo il giudizio in appello. E il cardinale Barbarin è stato coraggioso nel ritirarsi, partendo per un monastero, per il bene della diocesi e per dare pace alle vittime di questi atti abominevoli. Però sono scioccato che si sia condannato mons. Barbarin mentre l’orribile prete che ha commesso quei crimini inqualificabili non sia ancora stato giudicato… Sono accanto al cardinale Barbarin nella preghiera, così come sono al fianco delle vittime.

Molti nostri contemporanei vedono la Chiesa come un’organizzazione totalitaria, che impone un modo di vivere. Lei afferma al contrario che è la Chiesa ad essere il riparo contro il totalitarismo contemporaneo…

Sono le nuove ideologie che impongono un radicale cambiamento della morale, dell’antropologia umana, una nuova visione della famiglia, della sessuologia, con delle pressioni importanti, finanziarie e mediatiche. La Chiesa non impone niente, non fa che proporre. Ma proporre l’insegnamento di Dio al mondo è la sua missione.

Lei si spinge a respingere insieme la “barbarie islamista” e la “barbarie materialistica”, a rischio di risultare scioccante…

È la mia convinzione. Sono due demonî che hanno forse metodologie differenti ma che agiscono nella medesima direzione. Il materialismo ci allontana radicalmente da Dio e dall’uomo interiore. L’islamismo pure. Dio non può ispirare la barbarie. Uccidere qualcuno perché non condivide la fede? Far brillare una bomba in un bus e uccidere degli innocenti in nome di Allah? È una cosa impossibile a Dio.

Ma la barbarie materialistica non ha per obiettivo programmatico la distruzione, essa pretende di condurre l’uomo alla felicità della liberazione…

Dire a un uomo “sei libero di scegliere il tuo sesso” significa distruggerlo. È in realtà la libertà di distruggersi. Dio solo ci rende liberi! Ai nostri giorni quante distruzioni umane ci sono, sotto il pretesto della libertà! In nome di questa stessa libertà vengono distrutti tanti giovani mediante la pornografia. L’uomo si autodistrugge; Dio, da parte sua, crea – perché l’uomo «abbia la vita e la vita in pienezza».

Lei scrive anche che il mondo moderno distrugge aggredendo le identità. Lei al contrario difende quel radicamento che Simone Weil descriveva come il primo bisogno dell’anima umana. Questo fa di lei una voce un po’ isolata in una Chiesa che sembra talvolta divenuta un semplice satellite del partito immigrazionista…

Quando sono andato in Polonia [nell’ottobre del 2017, N.d.R.], paese che ho sovente criticato, ho incoraggiato i fedeli ad affermare la loro identità così come hanno fatto per secoli. Il mio messaggio è stato semplice: voi siete anzitutto polacchi, cattolici, e solo successivamente europei. Voi non dovete sacrificare queste due prime identità sull’altare dell’Europa tecnocratica e senza patria. La Commissione di Bruxelles non pensa che alla costruzione di un libero mercato al servizio delle grandi potenze finanziarie. L’Unione europea non protegge più i popoli, protegge le banche. Ho voluto dire di nuovo alla Polonia la sua missione singolare nel piano di Dio. Essa è libera di dire all’Europa che ciascuno è stato creato da Dio per essere messo in un ben preciso posto, con la sua cultura, le sue tradizioni e la sua storia. Questa volontà attuale di globalizzare il mondo sopprimendo le nazioni, le specificità, è pura follia. Il popolo giudeo ha dovuto vivere l’esilio, ma Dio l’ha ricondotto nel suo paese. Cristo ha dovuto fuggire Erode in Egitto, ma alla morte di Erode è tornato nel suo paese. Ciascuno deve vivere nel suo paese. Come un albero, ciascuno ha il suo suolo, il suo ambiente in cui può crescere perfettamente. Meglio aiutare le persone a realizzarsi nelle loro culture piuttosto che incoraggiarle a venire in un’Europa in piena decadenza. È una falsa esegesi quella che utilizza la Parola di Dio per valorizzare la migrazione. Dio non ha mai voluto questi strappi.

Lei scrive che i paesi del patto di Visegrad o l’Italia vanno nella direzione giusta, mentre tante voci nella Chiesa li condannano. Non pensa che la Chiesa ci si giochi il suo avvenire? Come si fa a evangelizzare dei popoli mentre si condanna la loro cura di restare ciò che sono?

I leader politici che parlano come me sono minoritari, al giorno d’oggi? Non lo penso. Esistono molti paesi che vanno in questa direzione, e questo dovrebbe condurci a riflettere. Tutti i migranti che arrivano in Europa vengono stipati, senza lavoro, senza dignità… È questo ciò che vuole la Chiesa? La Chiesa non può collaborare con la nuova forma di schiavismo che è diventata la migrazione di massa. Se l’Occidente continua per questa via funesta esiste un grande rischio – a causa della denatalità – che esso scompaia, invaso dagli stranieri, come Roma fu invasa dai barbari. Parlo da africano. Il mio paese è in maggioranza musulmano. Credo di sapere di cosa parlo.

Leggi anche “I migranti nel cuore di Papa Francesco e del card. Sarah

Alcuni nella Chiesa si preparano a mettere una pietra sopra all’Europa, stilare per essa un bilancio costi-benefici. Al contrario lei scrive che la paganizzazione dell’Europa comporterebbe la paganizzazione del mondo…

Dio non cambia idea. Dio ha dato una missione all’Europa che ha accolto il cristianesimo. Poi i missionari europei hanno portato Cristo fino ai confini del mondo. E non è stato un caso, ma il piano di Dio. Questa missione universale che Egli ha dato all’Europa quando Pietro e Paolo sono venuti a installarsi a Roma, a partire dalla quale la Chiesa ha evangelizzato l’Europa e il mondo, questa missione non è terminata. Se però siamo noi a metterle termine sprofondando nel materialismo, nell’oblio di Dio e nell’apostasia, allora le conseguenze saranno gravi. Se l’Europa scompare, e con lei gli inestimabili valori del vecchio continente, l’Islam invaderà il mondo e noi cambieremo totalmente cultura, antropologia e visione morale.

Lei cita molto abbondantemente Benedetto XVI, quando tanta gente considera quel pontificato abortito come un fallimento. Secondo lei qual è la sua fecondità?

Dio ha visto che il mondo sprofondava in una confusione funesta. Egli sa che più nessuno sa dove andiamo. Egli vede bene che perdiamo sempre più le nostre identità, le nostre credenze, la nostra visione dell’uomo e del mondo… Per prepararci a questa situazione, Dio ci ha dato dei papi solidi: egli ci ha dato Paolo VI, che ha difeso la vita e l’amore vero, malgrado opposizioni molto forti, con l’enciclica Humanæ vitæ; egli ci ha dato Giovanni Paolo II, che ha lavorato al matrimonio fra la fede e la ragione perché esse siano la luce che guida il mondo verso una vera visione dell’uomo – la vita stessa del grande Papa polacco è stata un Evangelo vivente. Egli ci ha dato Benedetto XVI, che ha composto un insegnamento di una chiarezza, di una profondità e di una precisione senza eguali. Oggi egli ci dà Francesco che vuole letteralmente salvare l’umanesimo cristiano. Dio non abbandonerà mai la sua Chiesa.

Ecco perché dobbiamo restare sereni: la Chiesa non è in crisi, siamo noi ad essere in crisi. Il suo insegnamento resta il medesimo, la sua chiarezza resta la medesima. È vero che Benedetto XVI non è stato compreso né accettato, il suo passato alla Congregazione per la dottrina della fede l’aveva fatto guardare come un tradizionalista, un reazionario; egli però è rimasto calmo, sereno e umile. È stato fondamentale per la dottrina, per la vita interiore, per l’avvenire della Chiesa.

Rivolgendosi alla gioventù cattolica lei cita questa bellissima frase del poeta inglese T.S. Eliot: «Nel mondo dei fuggitivi, colui che prende la direzione opposta avrà l’aria di un disertore». I giovani credenti sono votati ad essere dei resistenti?

Bisogna che tutti siamo dei resistenti, che prendiamo la direzione contraria a quella del mondo secolarizzato, cioè la strada di Cristo, l’unico salvatore del mondo. Io incoraggio i giovani a guardare verso Cristo. Nel romanzo di Hemingway Il vecchio e il mare, si vede l’eroe tentare di trascinare verso il porto un grosso pesce che ha pescato. Egli però non riesce a issarlo da solo fuori dell’acqua; il tempo di arrivare al porto e gli squali hanno divorato il pesce. Oggi i giovani sono resi fragili da un numero di sollecitazioni così grande che essi si isolano e corrono l’enorme rischio di essere divorati. Oggi, se lei è solo, ci sono tanti squali che divoreranno la sua fede, i suoi valori cristiani, la sua speranza. Gesù ha creato una comunità di dodici apostoli e quando è stato necessario mandarli in missione ce li ha inviati due a due. Ormai, per difendere la nostra fede, perché essa sia solida, bisogna sostenerci mutuamente nella fede, camminare come una comunità unita attorno a Cristo: «Lì dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro». È da questa presenza che possiamo trarre la nostra forza. Le soir approche et déjà le jour baisse è una risposta pensata e argomentata a questa urgenza.

Su Facebook dicono:

Follow me!

4 Commenti

  1. Ecco perché dobbiamo restare sereni: la Chiesa non è in crisi, siamo noi ad essere in crisi. Il suo insegnamento resta il medesimo, la sua chiarezza resta la medesima.

    Dio con noi.
    Grazie infiniti.

  2. Leggere questa intervista mi ha fatto bene. Quanto abbiamo bisogno di chiarezza e verità!!
    Grazie

  3. Come non pensare che sia appunto per questa generale aggressione diabolica alla Chiesa, scatenata dal sessantottismo in poi ed in crescendo, che Dio Padre ha mandato Nostra Madre Celeste – Madre del Cristo Salvatore e della Chiesa – ad accompagnarci e sostenerci ogni giorno con la Sua presenza ed i suoi messaggi da Medjugorje? Dove i chiamati da tutto il mondo vanno, La ritrovano sentendoLa Presente come Mamma (figlio: tua madre!) quindi ravvedendosi, riconciliandosi e convertendosi rientrando nella Chiesa militante? Abbiamo con noi la Mamma, che si definisce Regina della Pace, pace con Dio, con noi stessi e col prossimo ossia l’umanitá… che vogliamo di piú?

  4. Dice bene il Card.Sarah che Papa Francesco vuole salvare l’umanesimo cristiano, tuttavia la pastorale papale si presta spesso ad interpretazioni cedenti all’ambiguitá delle mentalitá ideologiche mondane, anche perchè spesso estemporanee e meno precise rispetto ai predecessori. Dio però lo ha scelto così, ma Dio ha mandato anche l’eletta Madre ad affiancarlo… Solo così possiamo avere una guida complementare e più sicura…

Di’ cosa ne pensi