La Sapienza per Camerino: -3 al D-Day

Sulla base del principio dell’homo sum, nihil humani a me alienum puto, vorremmo segnalare questa bella iniziativa presa dall’Università “Sapienza” a favore della Biblioteca giuridica dell’Ateneo di Camerino, ancora ferito dal terremoto del 2016.

Il 3 ottobre prossimo, alle 19:30, nell’aula magna del Rettorato “sapienziale” (Piazzale Aldo Moro, 5, a Roma), la pianista Gloria Campaner, con l’orchestra londinese Fidelio, terrà un concerto (Beethoven e Brahms, mica pizza e fichi) il cui ricavato verrà devoluto alla ricostruzione della biblioteca giuridica dell’Università marchigiana; qua il link all’iniziativa; qui il link per acquistare i biglietti.

View this post on Instagram

LA SAPIENZA PER CAMERINO L’università La Sapienza ha attivato una raccolta di fondi a sostegno dell'Università di Camerino, gravemente danneggiata dal sisma del 2016 che ha determinato anche una forte diminuzione del numero di studenti iscritti. Giovedì 3 ottobre 2019 alle ore 19.30, presso l'Aula magna del Rettorato, la Fidelio Orchestra di Londra, diretta da Raffaello Morales, eseguirà il Concerto n. 5 "Imperatore" di Beethoven, pianista Gloria Campaner, e la Seconda sinfonia di Brahms. Il ricavato della vendita dei biglietti e delle donazioni sarà devoluto in particolare per la ricostruzione di una aula della storica biblioteca del 1300, quasi distrutta dal terremoto e per il suo allestimento con materiale informativo finalizzato ai corsi di Dottorato in Gestione del rischio. L'iniziativa, ospitata dalla Sapienza, è promossa e organizzata dal Comitato Sapienza per Camerino (www.sapienzapercamerino.it<http://www.sapienzapercamerino.it/>). È possibile anche effettuare donazioni liberali inviando una mail a sapienzapercamerino@gmail.com<mailto:sapienzapercamerino@gmail.com>, per avere indicazioni personalizzate. Il progetto è sostenuto, oltre che dalla Sapienza, da numerose Università ed enti di ricerca italiani, dalla Crui, dall'Ambasciata Britannica a Roma e da numerosi altri organismi pubblici e privati. Per approfondimenti consultare il link https://news.uniroma1.it/03102019_1930

A post shared by Breviarium (@breviarium.eu) on

Comments:

Di’ cosa ne pensi