8chan down

Il proprietario di 8chan ha parlato con una commissione parlamentare americana giovedì scorso sul possibile collegamento del sito a sparatorie di massa multiple.

Una recente ondata di messaggi che possono essere collegati a sparatorie di massa negli USA ha acceso i riflettori su alcuni siti di messaggistica privi di moderatore, noti come chan board o image board. Molte persone che visitano questi siti semplicemente condividono meme e discutono di videogiochi, ma i siti sono diventati anche un luogo di ritrovo per suprematisti bianchi e nazionalisti di destra che approfittano della natura anonima e libera delle pagine per dare sfogo alle proprie idee.

Il permettere qualsiasi contenuto ha portato le pagine di chan a diventare paludi di commenti odiosi. Alcuni dei sospettati tiratori hanno usato i siti per postare manifesti razzisti. Una scheda in particolare, 8chan, è diventata una calamita per questi messaggi. Il proprietario, Jim Watkins, è comparso in forma riservata davanti al comitato della Camera sulla sicurezza interna giovedì scorso. Non è stata resa disponibile la copia della sua deposizione, ma solo alcune dichiarazioni.

image.png

Watkins ha detto di aver tenuto il sito offline volontariamente dopo il massacro di Walmart all’inizio di agosto a El Paso, Texas. A partire da Giovedi, il sito è ancora down (se lo si apre dall’Italia, compare una videata del Ministero dell’Interno col messaggio “pagina interdetta dal centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia sulla rete internet”). Nella sua dichiarazione alla commissione pubblicata mercoledì, Watkins ha detto che il sito rimarrà offline fino a quando non saranno sviluppati strumenti per contrastare i contenuti illegali, ma comunque non ha “nessuna intenzione di cancellare i discorsi di odio costituzionalmente protetti”. Nel frattempo, gli utenti di 8chan stanno pubblicando su altri forum e stanno tentando di creare proprie pagine.

L’attenzione su 8chan, che permette alle persone di pubblicare qualsiasi cosa purché sia legale negli Stati Uniti secondo le sue FAQ, è comprensibile: l’uomo accusato di aver ucciso 22 persone al Walmart di El Paso è stato collegato ad un manifesto anti-immigrati pubblicato su 8chan. Su 8chan sono stati realizzati anche post legati alle riprese della moschea neozelandese in marzo e dell’area della sinagoga di San Diego in aprile.

Il sito non è il solo, però. Esistono centinaia di queste pagine e sono relativamente facili da costruire per coloro che hanno familiarità con la creazione di siti web. Un utente di 4chan, una delle più antiche chan board, ha pubblicato i dettagli del suicidio in carcere di Jeffrey Epstein poco più di mezz’ora prima che la notizia apparisse su qualsiasi sito mainstream il mese scorso. Un uomo norvegese, accusato di aver tentato di sparare a una moschea vicino a Oslo il mese scorso, ha pubblicato un link al livestream del suo atto su Endchan, un altro board. Gli amministratori del sito dicono che il post è stato rimosso immediatamente.

Ma chi è l’utente tipico?
È difficile saperlo con esattezza, ma se prendiamo 4chan a riferimento, è il tipo che probabilmente vi aspettereste: giovane e maschio. Una pagina pubblicitaria di 4chan dice che circa il 70% dei suoi utenti sono maschi, e la maggior parte ha avuto una formazione universitaria. Si tratterebbe di giovani dai 18 ai 34 anni. Quasi la metà degli utenti di 4chah è negli Stati Uniti, seguiti da Regno Unito, Canada e Australia. Molti esprimono interesse per gli anime, i videogiochi e la tecnologia.

Questi numeri non descrivono l’intera popolazione di utenti di chan board. Molte persone usano le chan board, che ti permettono di pubblicare in forma anonima, per discutere di questioni legate all’essere LGBT o per condividere opere d’arte amatoriali. Alcuni sono interessati a vestirsi da anime, videogiochi o personaggi di fumetti e a pubblicare foto dei loro abiti. E, naturalmente, ci sono i forti e odiosi troll.

In mezzo a questa gente innocua e originale, però, nascosti dietro l’anonimato, hanno prosperato anche idee odiose, comportamenti di bullismo e qualche attività illegale.

Anonymous, il famoso collettivo di hacker, è nato su 4chan e prende il nome dall’anonimato che il sito offre agli utenti. La prima grande operazione di hacking del gruppo, Project Chanology, è iniziata nel 2008 e ha avuto come soggetto la Chiesa di Scientology. Nello stesso anno, lo studente dell’Università del Tennessee David Kernell inviò a 4chan degli screenshot che mostravano il suo hacking dell’account di posta elettronica del governo dell’Alaska Sarah Palin.

I forum di Chan non richiedono agli utenti di creare account, il che è una grande attrazione. Ogni utente può creare un thread numerato o rispondere ad uno. Non sono necessari nomi. Come altri siti web, tuttavia, gli utenti lasciano delle tracce digitali, come gli indirizzi IP, che vengono registrati. 

Le pagine Chan sono nate nel 1999 dalla mente di uno studente giapponese che vive in Arkansas. 2channel, o 2ch in breve, era una bacheca anonima giapponese creata da Hiroyuki Nishimura, che era uno studente dell’Università dell’Arkansas centrale. Il suo aumento di popolarità in Giappone fu causato proprio dall’anonimato che permetteva alle persone di sfogare le proprie frustrazioni senza la preoccupazione di subire umiliazioni, cosa che evidentemente in Giappone era molto sentita.

Il 30 agosto 2001, i fan di 2ch crearono una scheda di backup chiamata 4chan a causa del timore che 2ch venisse chiuso. Il nuovo board, anche conosciuto come la Manica di Futaba, cominciò a prosperare per conto proprio. Un promotore del nuovo board era il 15enne Christopher “Moot” Poole, che lanciava i suoi appelli da migrare da 2chan a 4 chan dalla sua casa di New York.

Con la crescente popolarità di 4chan, alcune persone iniziarono a condurre attività illegali come lo scambio di informazioni personali rubate e l’invio di pornografia infantile. Questo ha attirato l’attenzione delle forze dell’ordine. Poole ha messo in atto un giro di vite nel 2014, allontanando molti utenti. Poole ha venduto 4chan a Nishimura nel 2015 e da allora ha iniziato a lavorare presso Google.

image.png
Chris Poole nel 2010

Uno di quegli ex utenti di 4chan, Fredrick “Hotwheels” Brennan, durante un “viaggio” a base di funghi psichedelici nel 2013 (secondo un suo racconto), ideò un sito alternativo: Infinitechan, che in seguito è diventato noto come 8chan perché la figura 8 è il simbolo dell’infinito capovolto. Il sito ha avuto poca attenzione fino al 2014, quando 4chan ha iniziato a cimentarsi in post su GamerGate, una polemica sulla misoginia della cultura dei videogiochi, ed 8chain è diventata così una piattaforma online per le guerre culturali.

Brennan ha annusato un’opportunità e ha martellato gli utenti per farli migrare a 8chan. Cosa che essi hanno fatto. L’aumento del traffico ha attirato l’attenzione di Watkins, che aveva acquistato 2chan da Nishimura nel 2014. Watkins e Brennan hanno lavorato insieme su 8chan dalle Filippine fino al 2016, quando Brennan si è dissociato dal sito. Da allora ha chiesto la chiusura del sito, dichiarandosi pentito di aver preso parte alla sua costruzione.

image.png
Fredrick Brennan

4chan continua ad essere il più popolare tra i forum di immagini, che sono siti che richiedono la pubblicazione di un’immagine per avviare un thread di discussione. Riceve più di 27 milioni di visitatori al mese, ed è classificato tra i primi 1.000 siti web al mondo, secondo il sito di analisi Alexa. 8chan ha perso popolarità dall’aumento iniziale nel 2014. E ci sono molte altre schede chan derivate, come Endchan, 7chan e Dreamchan. Nessuna raggiunge la popolarità di 4chan, ma alcune hanno comunità attive, seppur di piccole dimensioni.

Navigare in queste schede può essere un’esperienza pericolosa, se si finisce su qualche link a virus, postati da utenti, e non è raro imbattersi in contenuti spiacevoli, tipo pornografia o pedofilia.

Quel che lascia interdetti da questo groviglio di pagine libere è che a gestirle siano in realtà pochi soggetti, del tutto collusi con autorità e colossi del web, per cui gli utenti più spregiudicati, che credono di aver trovato l’Eldorado della libertà e il nuovo alfabeto segreto per organizzare chissà quale rivoluzione, in realtà sono perfettamente tracciati dall’FBI e possono essere silenziati con un click da un momento all’altro, mandando down tutta la loro rete di argilla di utopie strampalate.

Certo questa spinta irrefrenabile che tanti hanno alla resistenza culturale su alcuni temi (al di là del contenuto specifico) fa sì che queste pagine spuntino come funghi: tagli il ceppo, e mille germogli nascono altrove. Ma il tutto resta uno sfogatoio disorganizzato dal momento che, quando il pericolo si fa concreto, il governo ha mostrato di saper intervenire disperdendo i dissidenti.

Insomma, è ben difficile che da questo gorgoglìo di insofferenza e malanimo possa nascere qualcosa di costruttivo (o distruttivo) e seriamente strutturato (sebbene singole azioni delittuose già si sono viste, anche con innumerevoli vittime) e per questo le chan continueranno a vivere, più o meno sotto controllo. Sarà garantita la libertà di sbraitare e vomitare rabbia, per evitare di approfondire le motivazioni sottese a tali e tanti disagi. 

Comments:

Di’ cosa ne pensi