I Charlie Gard che non nascono in UK si salvano: ne parliamo col padre di Arturito

Certo io non sono un medico, ma i dottori che conosco, il dottor Hirano e altri medici specialisti, hanno assicurato che c’era una buona possibilità di salvargli la vita e che poteva rinforzarsi poco a poco come mio figlio. Sono solo il padre di un bambino malato, ma mi chiedo, se hanno potuto salvare la vita di mio figlio con una malattia simile e se questi medici avevano un piano medico per salvare la vita di Charlie, perché non dargli un’opportunità? Perché andare in tribunale e lottare per assicurarsi che morisse? Ecco perché lo chiamo “omicidio medico”.

Molti sostengono che la terapia somministrata sarebbe stata una sorta di accanimento terapeutico contro il bambino, perché non conoscono la natura della terapia, puoi spiegare in che consisteva il piano clinico?

La terapia è la stessa fatta su nostro figlio. C’è una terapia respiratoria che assicura che i polmoni siano puliti e che non sopraggiungano infezioni. Per la malattia mitocondriale, Hirano e il suo team hanno suggerito tre composti (per mio figlio ne sono stati usati solo due) che vengono mischiati nel latte e dovrebbero far crescere ossa e muscoli. Gli effetti collaterali di questo tipo di terapia non sono ancora noti perché dovrebbero essere farmaci naturali e non chimici. Ho cercato di far vedere a tutti quanto fosse felice mio figlio, anche ai medici di Charlie. Mi rendo conto che si tratta di una malattia rara, ma volevo che vedessero che questa non è una strategia invasiva. I dottori affermarono che la terapia era onerosa come una triste scusa per porre fine alla sua vita. L’ospedale di Charlie Gard non ha mai voluto dargli una possibilità e hanno mentito per vederlo morto.

Cosa risponderesti alla gente che dice: “l’aborto è l’unico modo per evitare la sofferenza di un bambino affetto da una grave malattia, sarebbe egoista farlo crescere nella sofferenza poiché i suoi genitori non saranno in grado di prendersi cura di lui fino alla fine della sua vita”?

Credo che l’aborto sia un omicidio e non è mai giusto abortire. I medici che credono di poter prevedere cosa riserva il futuro si sbagliano. A mio figlio è stato detto che non ce l’avrebbe fatta e a dispetto di tale affermazione l’anno prossimo, a febbraio, compirà otto anni. Anche se è debole e ha le sue difficoltà, è un essere umano creato da Dio. Nessuno ha il diritto di ucciderlo. Nessuno. Ho una nipote che ha la spina bifida e hanno detto a mia sorella e mio cognato che avrebbero dovuto interrompere la gravidanza. Loro hanno rifiutato e ora lei è una bella ragazza, cammina – con difficoltà – ma cammina! E ha iniziato il college la settimana scorsa. Perché dovremmo provare a creare esseri umani perfetti? Nessuno è perfetto, tu hai dei difetti, io ho dei difetti, tutti hanno dei difetti. Dio non ci ha creati per essere perfetti, Dio ci ha creati dal suo amore e con un cervello per cercare di curare malattie e alleviare la sofferenza. Anche se ci sono difficoltà, l’importante è l’anima, lo spirito. Se c’è vita, c’è un’opportunità di grandezza. Una persona non dovrebbe mai essere uccisa. L’opportunità di grandezza non dovrebbe mai essere fermata. Mio figlio è un ragazzino brillante e lui è la nostra vita e la nostra gioia. Se avessimo posto fine alla sua vita lo avremmo fatto anche con la nostra. Abbiamo affrontato molte difficoltà, abbiamo dovuto vendere la nostra casa a Miami e mia moglie ha smesso di lavorare, ma se riponi la tua fede in Dio, se chiedi a Lui di aiutarti, tutto funziona. Tutto è sotto il suo controllo. A volte cerchiamo di avere il totale controllo sulle cose ma non si deve far altro che ascoltare e sarà Lui a guidarci. Abbiamo trovato un nuovo fantastico posto a Baltimora e siamo felici unicamente perché siamo insieme e questo è ciò di cui abbiamo bisogno. Alcune situazioni sono schiaccianti e molti genitori sono portati a dare ascolto a medici che dicono “è tutto apposto, lascia morire tuo figlio” e non hanno la forza di opporsi. Ma io dico “No! Se sta combattendo, noi combatteremo con lui”. E penso che la maggior parte dei genitori desideri che i propri figli vivano e farebbe ogni cosa in proprio potere per salvarli. Questo è quello che io e Olga abbiamo fatto.

Cosa ti aspetti dal nostro gruppo di giovani studenti universitari per la vita? Come possiamo migliorare nel dare un messaggio di speranza e vita in un mondo quasi conquistato da un’ideologia della morte?

Mi aspetto che vi uniate insieme ad altri gruppi in tutto il mondo. È molto più facile connettersi nella realtà dei social media di oggi, quindi c’è una possibilità che si instauri un movimento Pro-life di alto profilo in Italia. Il vostro gruppo potrebbe chiedere a tutti gli altri giovani membri dei vari gruppi pro-vita di scrivere articoli sui giornali, organizzare veglie, servizi di preghiera, inviare lettere di sostegno alla vita al Presidente del paese e ai leader politici locali in tutto il mondo. Credo che tanti giovani leader pro-vita di tutto il mondo possano avere un impatto tremendo e fare pressione sui governi affinché chiunque sia in pericolo non sia ucciso. Se rimarrete uniti il ​​Movimento di Giovani leader Pro-Life sarà un movimento potente!

Grazie mille Arthur per la tua preziosa testimonianza, sempre insieme per combattere!

Here the interview in English!

Comments: