Una passerella omosessualista fra le Americhe. Ecco i nomi.

Church Militant ha anche confermato con fonti ufficiali che vari vescovi statunitensi erano a conoscenza di ciò, ma hanno chiuso un occhio in modo da poter mantenere il numero delle vocazioni artificialmente alto.

Molteplici fonti, insieme agli ex seminaristi – stanchi degli insabbiamenti – hanno condotto Church Militant a p. John Lavers, chiamato a condurre un’indagine di alto livello che ha poi scoperto l’esistenza del percorso seminarista.

«L’indagine, quando abbiamo iniziato nell’aprile / maggio 2012, ha rivelato che c’era un’ampia rete di seminaristi coinvolti in comportamenti anormali e che l’attività omosessuale si stava diffondendo in alcune diocesi nella parte orientale degli Stati Uniti. Ciò ha riguardato anche un certo numero di diocesi e di sacerdoti all’interno di quelle diocesi che sostenevano e partecipavano attivamente alle attività omosessuali in cui erano coinvolti anche i seminaristi».

Ecco come funzionava il sistema.

Il percorso segreto ha coinvolto una cosiddetta “casa di formazione” istituita dall’arcidiocesi di Newark nel 2003 nei pressi delle città colombiane di Medellin e Bogotà. I seminaristi che erano stati espulsi da vari seminari colombiani per attività omosessuali venivano tranquillamente informati che avrebbero dovuto trovare la strada per la casa del “discernimento” americano se volevano un biglietto per i seminari gay-friendly negli Stati Uniti.

Tutto quello che dovevano fare era andare a casa, passare un test sessuale con uno o più sacerdoti americani e poi iniziare il processo per ricevere un visto negli Stati Uniti per ulteriore addestramento al seminario.

Negli Stati Uniti sono stati distribuiti in numerosi seminari statunitensi lungo la costa orientale, e ancora una volta un’indagine indipendente ha confermato che diversi vescovi sono venuti a conoscenza di questo fatto e non hanno fatto nulla.

Circa tre o quattro anni dopo, l’arcidiocesi di Newark ha chiuso la casa colombiana quando è stata scoperta l’attività omosessuale che coinvolgeva preti americani e giovani colombiani, poiché la cosa avrebbe causato grande imbarazzo all’arcidiocesi se mai fosse diventata di dominio pubblico.

Ma questo non ha messo fine al comportamento scandaloso – semplicemente lo ha spostato.

Di ritorno negli Stati Uniti, i funzionari di diverse diocesi della costa orientale degli Stati Uniti, tra cui la diocesi di Paterson nel New Jersey e l’arcidiocesi di Hartford nel Connecticut, sono entrati in azione.

Essi hanno accettato alcuni di questi seminaristi che si erano recati negli Stati Uniti attraverso il percorso gay – protetti e coperti da diversi membri del clero lungo la strada.

Un buon numero è stato poi sparpagliato in tutto il paese e collocato in altri seminari, la maggior parte dei quali in vari seminari su e giù per la costa orientale degli Stati Uniti, vicino alla loro diocesi di sponsorizzazione – alcuni addirittura sono stati ordinati. Questo sistema è andato avanti per un certo numero di anni.

L’arcivescovo di Hartford all’epoca era Henry Mansell, il cui ruolo come vescovo di Buffalo è ben visibile nel rapporto del gran giurì della Pennsylvania, quando mandò almeno un prete noto omosessuale in Pennsylvania.

Ma nessuna di queste storie del percorso per seminaristi sudamericani faceva parte del rapporto del gran giurì.

Ciò che Church Militant ha scoperto è che, prima di andare ad Hartford nel 2003, quando era vescovo di Buffalo a partire dal 1995, Mansell aveva creato una versione precedente della rete di reclutamento gay in Colombia.

Church Militant ha ottenuto questa copia di un memorandum interno confidenziale del 1998 tra il rettore del seminario di Buffalo, p. Joseph Gatto e il vescovo Mansell, dove Gatto aggiorna Mansell sul nuovo reclutamento di nove seminaristi della Colombia che avevano ottenuto i loro visti e di un decimo i cui documenti erano ancora in lavorazione.

Church Militant ha parlato esclusivamente con molti seminaristi che erano al Seminario di Cristo Re di Buffalo all’epoca, e due di loro ci hanno detto che l’omosessualità nel seminario di Mansell e Gatto era dilagante e che ad alcuni dei colombiani furono effettivamente assegnate mansioni parrocchiali con pastori omosessuali attivi che hanno elargito doni costosi, comprese automobili, ai giovani colombiani gay in cambio di sesso.

Abbiamo parlato con due degli uomini per telefono – uno dei quali non ha voluto che il suo nome venisse rivelato – ed entrambi hanno detto di aver lasciato il seminario perché erano disgustati dall’omosessualità sfacciata che dominava.

L’ex seminarista colombiano Ricardo J. Perillo ha parlato con Church Militant di una relazione omosessuale nel 1999 tra il compagno di classe di Ricardo dalla Colombia, Alexander Herrera Silva, e mons. Paul Burkard della diocesi di Buffalo alla cui parrocchia Alexander era stato assegnato. Ricardo Perillo:

Alexander era omosessuale e stava ricevendo favori in cambio da parte di quel monsignore nella parrocchia a cui era stato assegnato.

Ricardo ha spiegato che mons. Burkard diede una dimostrazione pubblica della relazione quando chiamò il seminario:

Ha chiamato un paio di volte, il seminario, chiedendo di Alexander e sembrava davvero sconvolto. […] Così sembrava, da quello che ho scoperto, era geloso che Alexander stesse andando in un’altra parrocchia e uscisse con un altro maschio e Monsignore mostrava e manifestava una traccia di gelosia. Ed è così che lo scoprimmo, perché fu il gossip di tutto il seminario.

Church Militant ha contattato mons. Burkard, ma finora non ha ancora ricevuto risposta.

Secondo Ricardo, il loro vice rettore, p. Giuseppe Gatto, era a conoscenza della relazione gay tra Alexander e mons. Burkard. Ricardo ha anche notato che quasi la metà dei seminaristi colombiani nella sua classe – reclutati personalmente da Gatto per il vescovo Mansell, era attivamente gay.

Quando Mansell arrivò a Hartford nel 2003, il percorso colombiano per seminaristi gay creato dal clero dell’Arcidiocesi di Newark era già attivo e funzionante.

Gli ex seminaristi della “pipeline gay” hanno affermato che membri del clero delle diocesi statunitensi avevano promesso loro che avrebbero potuto fare qualsiasi cosa per assicurarsi che i seminaristi fossero in grado di andare ovunque, dichiarando che nulla era impossibile.

Furono poi spostati da varie diocesi, inclusa la diocesi di Hartford sotto Mansell e Paterson, nel New Jersey sotto il vescovo Arthur Serratelli.

Gli ex seminaristi hanno detto a Church Militant che il coinvolgimento di Mansell e Saratelli nel muoversi attorno ai seminaristi gay divenne ben noto ai funzionari della Chiesa poiché entrambi questi vescovi avevano un gran numero di seminaristi nelle loro diocesi, e avevano bisogno di distribuirli in diversi seminari per non attirare troppa attenzione sul loro numero eccezionalmente alto mentre la Chiesa negli Stati Uniti stava subendo un forte calo del numero di seminaristi.

Nel 2012, questo problema del percorso gay sudamericano arrivò ai vertici quando varie denunce di attività omosessuale e abusi sessuali divennero note al Seminario dei Santi Apostoli a Cromwell, nel Connecticut – nella diocesi di Norwich – dopo che alcuni riferirono che un gran numero di seminaristi colombiani e statunitensi erano coinvolti in attività omosessuali regolari.

Church Militant ha ricevuto informazioni dai seminaristi su ciò che è accaduto in seminario e su come il clero locale dell’arcidiocesi di Hartford, così come altri sacerdoti di altre diocesi, è stato coinvolto in attività omosessuali e in abusi sessuali a giovani che studiavano per il sacerdozio. Padre John Lavers:

L’indagine ha rivelato ciò che è essenzialmente un continuum di abusi sessuali e omosessualità di sacerdoti che sono avvenuti nella Chiesa negli ultimi numerosi anni.

E assolutamente degno di nota – molto importante – tutto questo è avvenuto solo negli ultimi anni, non decenni e decenni fa, come molti prelati colpevoli insistono ad affermare per distogliere l’attenzione dalla massiccia crisi dell’omosessualità tra clero e vescovi che mentono per coprila.

Secondo le informazioni dall’interno della diocesi di Norwich, una volta che l’amministrazione dei Santi Apostoli si è resa conto dell’attività immorale – ancora una volta – nel 2012, una vasta indagine è stata avviata dal seminario e molti seminaristi sono stati espulsi.

Ciò che forse era ancor più inquietante, oltre l’ovvio, era la conoscenza, la partecipazione e la copertura di questo da parte di più vescovi e del loro staff. Padre John Lavers:

Bene, posso dire che l’inchiesta ha rivelato che c’erano almeno sei diocesi coinvolte e sappiamo, dalle informazioni che continuano a venire a noi da varie fonti anonime e informatori confidenziali, che quel numero di diocesi è destinato crescere.

Per essere chiari, sotto il vescovo Henry Mansell durante il suo periodo a Buffalo, giovani uomini colombiani, alcuni dei quali omosessuali, sono stati attivamente reclutati e portati negli Stati Uniti con falsi pretesti – potenzialmente violando le leggi sull’immigrazione degli Stati Uniti nel processo. Fr. John Lavers:

Se uno studente o seminarista fosse stato respinto o espulso – non ritirato, ma respinto o espulso – allora, in conformità con la legge sull’immigrazione del 2012, avrebbe avuto due settimane per lasciare gli Stati Uniti. Ma noi sappiamo dalle indagini che questo non è accaduto.

Michael Voris:

E quindi proprio nel fatto che fossero inscritti (in seminario), o almeno che ce ne fosse la possibilità, sta l’accettazione in violazioni della legge sull’immigrazione degli Stati Uniti.

Questo potenziale modo di ingannare il Dipartimento di Immigrazione degli Stati Uniti nell’incanalare i seminaristi gay negli Stati Uniti e spostarli dopo essere stati espulsi da un seminario non sarà di buon auspicio per i vescovi se il governo federale li chiamerà – specialmente con le continue chiacchiere quotidiane di violazioni del RICO.

I seminaristi con cui abbiamo parlato ci hanno detto che non tutti i colombiani che sono stati reclutati erano omosessuali. Alcuni sono stati portati a Buffalo per essere guidati e convertiti a uno stile di vita omosessuale e passati in giro tra vari membri del clero.

Una volta arrivato a Hartford nel 2003, Mansell ha intensificato il suo gioco, per così dire, sfruttando quello che era diventato il percorso gay colombiano per Newark, che il predatore omosessuale Theodore McCarrick aveva lasciato come arcivescovo solo tre anni prima.

La squadra investigativa dei Santi Apostoli ha esteso le sue indagini sulla base delle informazioni raccolte, e le loro scoperte sono state condivise con un certo numero di funzionari del clero, inclusi i vescovi Mansell e Saratelli. Padre John Lavers:

E sappiamo che in molti casi il file, ad esempio, o il dossier presentato per un individuo, sostanzialmente non è stato guardato se non nell’ottica di coprire o archiviare. E agli individui è stato poi permesso di andare avanti, e lo sappiamo a causa delle azioni di entrambi i vescovi e del clero anziano all’interno della diocesi che sarebbero molto attivi in questo.

Per essere molto chiari, queste sono tutte notizie recenti, non di decenni fa. È sistemico, non localizzato.

Più vescovi e il loro staff non solo conoscono, ma partecipano attivamente a questo.

Eppure, di fronte a una crescente montagna di prove che questa è un’epidemia nazionale di omosessualità del clero, vescovo dopo vescovo e cardinale dopo cardinale continuano ad irritare ulteriormente i fedeli ogni giorno negando l’ovvio.

Dal cardinale Newark Joseph Tobin – che sapeva tutto di McCarrick – il quale ha detto giusto oggi che non ha mai sentito parlare di una sottocultura gay nella Chiesa, al cardinale Blase Cupich di Chicago, che dice che non è una questione gay.

La stragrande maggioranza dei vescovi negli Stati Uniti che hanno rilasciato dichiarazioni si è destreggiata abilmente e ha ignorato la questione centrale, ciò che è al cuore di tutto questo: la presenza maggioritaria di uomini omosessuali nel sacerdozio, che rubano i soldi ai fedeli, distruggendo anime e facendo marcire milioni di menti.

Sta diventando sempre più chiaro che quasi nessun vescovo in America ammette, confessa o vuole affrontare il veroproblema dell’omosessualità nel clero.

Il vescovo Robert Morlino di Madison, Wisconsin e, proprio oggi, il vescovo Robert Baker di Birmingham, Alabama, sono finora gli unici due in assoluto che parlano chiaramente e ammettono che un gran numero di laici cattolici già sanno che c’è un problema di omosessualità tra i vescovi e i preti.

Questo è il motivo per cui ora 2.000 cattolici fedeli – poco più – si sono impegnati ad andare a Baltimora questo novembre per l’incontro annuale dei vescovi in questo paese per dire ai vescovi che questo deve finire adesso.

I dettagli possono essere trovati sul sito web: thebishopsknew.com.

A questo punto, ora sembra che migliaia di fedeli cattolici riempiranno le strade di Baltimora, pregando e supplicando il Cielo per restaurare la Chiesa in America ed esorcizzare questo demone di sporcizia e impurità che si è impadronito dei vescovi.

[…]

Comments: